Galleria
 
Mostre
 
Contatti
 
Artisti
   

Buglisi Andrea

Capogrosso Pietro

Cuoghi Vanni

Di Marco Andrea

Hassan Fathi

Fantini Marco

Fiorentino Paolo

Ganau Gavino

Kostabi Mark

Levini Felice

Maggis Paolo

Marotta&Russo

Marzorati Francesca

Montesano Gian Marco

Persiani Adriano

Prestia Marco

Rossi Elisa

Scafiti Salvo

Schiavarelli Maria Lucrezia

Stefanoni Tino

Verginer Willy

Vignato Elisabetta

Altre proposte

AndreA Arte ContemporaneA
corso Palladio 165
36100 Vicenza Italy

telefono 0444 54 10 70 info@andrea-arte.com

Home > Artisti > Vignato

Vignato Elisabetta

Vignato Elisabetta
Fuori entrava il fresco
cm 40x40
2009 olio su tela

Vignato Elisabetta
Le pareti si allontanano
cm 40x40
2009 olio su tela

Vignato Elisabetta
Sospesi nel mondo
cm 40x40
2009 olio su tela

Vignato Elisabetta
E questo era tutto
cm 150x180
2009 olio su tela

Vignato Elisabetta
L'essenza di noi
cm 150x180
2009 olio su tela

Vignato Elisabetta
Era l'unico sentiero
cm 120x90
2009 olio su tela

Vignato Elisabetta
Sulle tappezzerie stinte
cm 120x90
2009 olio su tela

Vignato Elisabetta
Tutto attende
cm 120x90
2009 olio su tela

Vignato Elisabetta
Sullo stagno immaginario
cm 185x100
2009 olio su tela

Vignato Elisabetta
Vero il bosco
cm 185x100
2009 olio su tela

Vignato Elisabetta
La luna senza notte
cm 110x130
2007 olio su tela

Vignato Elisabetta
autoritratto
2006 cm 120x90
olio su tela
Vignato Elisabetta
cm 35x35
nessuna nota
2007 olio su tela
Vignato Elisabetta
cm 35x35
nessuna nota II
2007
olio su tela

 

     

Dal 26 settembre 2009 al 14 novembre 2009

In piena luce

Elisabetta Vignato

Catalogo della mostra

ILLUMINAZIONI

di Alberto Zanchetta

Negli ultimi anni Elisabetta Vignato sembra destinata a continue, repentine svolte. Cambiamenti che non intendono sancire una drastica rottura con il proprio passato, ma che viceversa perseguono una costante crescita filologica. Qualche anno addietro Gianni Romano aveva scritto (in catalogo della personale "Giovani Adulti" tenutasi nell'autunno del 2006 presso le Scuderie di Palazzo Moroni a Padova): «C'è la tendenza a negare il racconto in questi quadri, a fornirci delle istantanee, da qui lo sforzo di rendere astratto lo sfondo [...], contemporaneamente questo corrisponde allo sforzo appena percettibile di limitare le proprie capacità tecniche [...], di non lasciarsi andare alla ricerca del bello fine a se stesso, di non strafare, di concentrarsi su un'atmosfera o un sentimento, magari tracciata con poche linee». Permane ancor'oggi la volontà di non raccontarsi addosso, di sfiorare con discrezione il tema per poi fuggirne la spiegazione; tuttavia, la pittura si è fatta più generosa, l'asciuttezza del segno e del tocco si incarnano ora a tutto campo. Le figure umane scompaiono e viene alla ribalta lo sfondo, quell'intorno che non vedevamo e che ora domina la scena, in quanto "soggetto" dell'opera. Un soggetto che non è mai solo ciò che vediamo ma che - come detto poc'anzi - insiste ad essere un sentimento, un'atmosfera. Fatta giusto eccezione per una serie di piccole tecniche miste (... ci lasciano vivere la vita indisturbati, come noi l'intendiamo...) che si riallacciano alla precedente ricerca, Elisabetta Vignato smette di indagare il carattere, il comportamento o il vestiario di giovani obbligati a crescere troppo velocemente. L'adolescenza, che è sempre stata al centro della sua poetica, si riversa nel mondo fenomenico, non tanto per colmare il vuoto dei fondi monocromi, né per contestualizzare le figure, bensì per focalizzare l'attenzione sugli oggetti, sugli interni domestici o sui paesaggi che erano stati rimossi dallo spettro visivo.

Immagini che sono altro dalla copia pedissequa del reale, emergono non già da ciò che l'artista ha modo di vedere ma da ciò che è stato visto, ossia dalla memoria se non addirittura dall'immaginazione, la cui traduzione percettiva mantiene in sé quell'ambiguità polissemica che appartiene all'immaginario della fantasticheria. La ricerca del confine fra luce e ombra, fra reale e illusione, fra onirico e cognitivo viene qui espressa senza artifici, generando domande che non abbisognano di risposte. La pittura conserva dunque tutta la sua pregnanza, indice di quanta importanza abbia avuto questa disciplina nella formazione dell'artista; tecnica che negli anni si è fatta irrequieta, vorace, camaleontica. Rifuggendo dall'eclettismo schizofrenico che ha fatto la fortuna di molti artisti dell'ultimo ventennio, nella varietà di soluzioni offerte dall'artista si evince sempre e comunque quel quid, quell'impronta che rende il suo stile pienamente riconoscibile, senza mai doversi smentire né rinnegare per cavalcare facili - quanto falsi ed effimeri - consensi. La materia si sedimenta e si frammenta, la trasparenza delle velature si alterna a dense campiture, le colature si avvicendano con effetti di sfumato, zone di luce contrastano con ombre intense e impenetrabili. Ma la cosa più sconvolgente e conturbante di tale luminosità è che essa eccede la visione, fa eclissare il mondo sensibile. Come la totale oscurità, anche la luce intensa annulla lo sguardo, ma (a differenza della tenebra) la sparizione non avviene qui inglobando l'oggetto nella profondità, bensì portandolo alle estreme conseguenze, verso la dissoluzione della forma e della sua consistenza.

Suggestioni affascinanti, intense e di forte impatto emotivo, rimandano ad una poetica di solitudine e desolazione, di poesia e lirismo, di delicatezza e asprezza. Ambiguità dal carattere ossimorico che si riscontra anche nei soggetti scelti, in cui il mondo delle cose si confonde con il loro desolato abbandono, la fiaba si rimesta nella realtà, il sogno nell'incubo. L'atmosfera della fantasticheria sottintende il rifugio nella costruzione di un'illusione e l'idealizzazione del passato, ma la schietta sincerità con cui ogni dettaglio è messo in evidenza corrisponde ad un'analisi manifesta, ad un messaggio che si avvale della funzione simbolico-endocettuale propria all'idea o al sogno (quello ad occhi chiusi così come quello ad occhi aperti). Il taglio compositivo scelto predispone l'osservatore a prendere parte alla scena, trovandosi in una situazione intrusiva in cui il confine fra lo spazio interno dell'opera e la realtà del fruitore viene praticamente annullato. Siamo dentro all'opera tanto quanto essa finisce per tracimare all'esterno, facendo fuoriuscire la propria ambientazione, portando le cose sì fuori dall'opera ma per accoglierle direttamente all'interno della nostra mente. È come se il quadro stesso fosse stato prodotto direttamente dalla nostra mente. In questo modo Elisabetta Vignato riesce nell'intento di dilatare lo spazio al punto da fondersi con la realtà percettiva dello spettatore.

 

A differenza di ogni precedente esperienza, l'onirismo tecno-poetico della Vignato corrisponde alla necessità - quando non addirittura all'unica possibilità - di espressione. Poiché durante il sogno l'attività percettiva è prevalente rispetto a quella cognitiva della veglia, i contenuti del sogno vengono visti e sentiti piuttosto che pensati; l'attività del sogno coinvolge tutti i sensi, e le emozioni che vi vengono manifestate hanno un grado assoluto di purezza, nessuna mediazione conscia ne inficia la valenza, almeno finché essi si formano con il cosiddetto "processo di pensiero primario" classificato da Freud. Nel caso delle opere della Vignato l'ambiguità di fondo non scaturisce da dubbi o incertezze, bensì da una chiarezza enigmatica portata all'eccesso, da una luminosità che pur annullando le ombre finisce per celarne molteplici (se non infinite) al proprio interno. La disarmante evidenza delle cose si accompagna quindi a una condizione sensoriale sfuggente. Inafferrabili eppure assolutamente presenti sono i cani, le foreste, le grotte, i fiumi, e tutti quegli enigmi non svelati ma disvelati che tali associazioni sono in grado di smuovere; enigmi che fanno da eco ad interni sempre vuoti, a campi giochi deserti, a balocchi abbandonati. Queste opere si pongono come immagini sensoriali, evocazione di suggestioni ferine ma al contempo delicate, quasi distorte nella loro immediata chiarezza. Psicologicamente impegnative, le suggestioni si ancorano alla fantasia quanto pure alla traduzione e tradizione di archetipi.

Le fronde che convergono su di noi ci condurranno all'interno dell'hortus conclusus del nostro inconscio o saranno il tranello che la nostra mente ci pone per condurci in fallo? Al loro interno si nasconderà qualcosa in grado di sorprenderci? E sarà terribile oppure piacevole? Il Sublime, attutito e schematizzato, diventa un viaggio intimo, percorso che è anche auto-analisi e interrogazione di sé. Qualunque sia l'arrivo, la strada che ci viene indicata ci porterà forse all' hortus deliciarum . Ogni quadro sembra infatti voler rimanere su una soglia: in essi avvertiamo che il passo successivo, quello che valicherà la porta (della mente), non è destinato a ritrarre il piede all'interno, verso il buio, ma avanzerà verso l'esterno, per essere investito dalla luce... in piena luce . Alberto Zanchetta

Elisabetta Vignato

Nata a Padova nel 1964 dove vive e lavora.

Nel 1988 frequenta un corso di pittura con Emilio Vedova alla Sommerakademie di Salisburgo.
Nel 1991 si diploma all’Accademia di Belle Arti di Venezia.


Principali mostre

1995 Oltre la Normalità Concentrica. A cura di Gianni Romano. Palazzo Da Zara Padova.
Inventario 4. Galleria LOFT Arte Club. Valdagno (VI).
1996 Natura, Ex Casa Della Luce Padova.
1997 Dislocata, varie sedi Vicenza.
2000 Elisabetta Vignato, a cura di Alessandro Riva. Studio d’Arte Cannaviello, Milano
Sguardi a corte, a cura di Claudia Zanfi, Corte delle Giare, RagazzolaElisabetta Vignato, Galleria Nuova Arte Segno, Udine (p)
Mostra permanente Museo Paolo Pini, Milano
2001 A nudo, Antonio Battaglia Arte contemporanea, Milano.
2002 La giovane figurazione in Italia, Premio Cairo Comunication, a cura di Nicoletta Coboldi Gigli. La Posteria, Milano.
Twins, a cura di Mimmo Di Marzio. Antonio Battaglia Arte contemporanea, Milano.
2003 Baby Gang, a cura di Alessandro Riva, Galleria Spiralearte, Milano
2004 La bella stagione, a cura di Olga Gambari, Galleria Arte & Altro, Gattinara, Vercelli
Alice Underground, a cura di Luca Beatrice, Galleria Spirale Arte, Pietrasanta,
Alice Underground, a cura di Luca Beatrice, Galleria Spirale Arte, Verona,
A pranzo con Babette, a cura di Olga Gambari, Cortile del Maglio, Torino.
6*4=24, Galleria Mari artecontemporanea, Imbersago, Lecco.
Io mi chiamo Eva, a cura di M. Chiara Valacchi, Galleria Spirale Arte, Pietrasanta.
2005 A est di Milamo a sud di Berlino, a cura di M. Luisa Trevisan, Galleria De Faveri Arte, Feltre
2006 Giovani Adulti, a cura di G. Romano, Palazzo Moroni, Padova (p)
2007 Sei gradi di separazione, a cura di Maurizio Sciaccaluga, Andrea arte contemporanea, Vicenza

 

 






AndreA Arte ContemporaneaA
corso Palladio 165
36100 Vicenza Italy

telefono 0444 54 10 70  
info@andrea-arte.com